The Oil-Chem IMO II Tanker De Poli Fleet (ArCoin Holding BV) has recently taken delivery of two 19,800 dwt two new-buildings: Giancarlo D on March 25 and, four months later, her twin Davide B, both promptly entered service. Such fleet now counts 10 chemical tankers (plus 2 gas tankers), all small vessels built with duplex stainless steel tanks.

Unfortunately, short after the delivery of Alessandro D (2007), the Pellestrina (Venice) De Poli shipyard was closed and sold (2010).

Thus the two new-buildings are the first built outside it; as a matter of fact Mrs. Chiara De Poli, Group Managing Director, signed at the end of Nov. 2013 a contract with the Chinese Xinle Shipyard at Ningbo for the construction of the new units, based on the Ecodesign of Giorgio La Valle (MES, Marine Engineering Services) of Trieste, Italy. Thus also m/s Davide B features high hull-propeller efficiency and low fuel oil consumption on the MAN-STX 5S46ME 6,900 kW propulsion 2-stroke diesel engine (ship's characteristics and main technical data are shown in the table).

It should be noted that both ships, classed by RINA, were also granted the nomination of MLC Design with their comfortable 23 cabins and of GreenPlus for their proper compliance with eco friendliness.

For five years (2007-2012) Mrs. Chiara De Poli, managing Director of the De Poli Dutch Group (formed by ArCoin Holding BV, De Poli Tankers BV and Maritime Performance BV) has suffered in person a Kafkaesque situation. Although fully acquitted of all charges by the judge for every civil suit, thus winning the case after five years, in fact the "boundary conditions" of the bureaucratic problem had the dramatic consequence to lose the historic and internationally renowned De Poli shipyard at Pellestrina (Venice).

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Prima di procedere alla presentazione della nuova chimichiera del gruppo De Poli Tankers, m/n Davide B. gemella, peraltro della Giancarlo D val la pena ricordare nelle pagine di TTM che l'attività armatoriale di De Poli è nata quasi per caso nel 1993 quando un armatore lasciò nell'omonimo cantiere di famiglia una chimichiera, acquisendo successivamente in cinque anni 4 chimichiere; nel 2004 un altro armatore aveva lasciato a Pellestrina due gasiere LPG.

Nel frattempo De Poli Tankers aveva formato (2000-2004 ndr) un pool con la norvegese Jo Tankers divenendo presto autonoma.

Le 10 chimichiere dell'attuale Flotta De Poli presentate da questa rivista nel corso degli anni, tutte con cisterne in acciaio inox, sono: Aigran D (in esercizio dal 1997), Sapphire (1997), Venezia D (1998), Laguna D (2000), Jo Miro D (2002), Giovanni DP (2003), Davino D (2005) ex Clipper Caribe, Alessandro DP (2007) e, come detto, le recentissime 19.800 tpl Giancarlo D (2016) e Davide B (2016) costruite in Cina; vi sono inoltre dal 2004 le due gasiere Venere e Marte da 3000 tpl.

Il progetto delle due petrolchimichiere gemelle IMO II Giancarlo D e Davide B, è stato realizzato, come per altre navi dallo Studio MES (Marine Engineering Services) di Trieste.

Per la loro costruzione è stato prescelto il cantiere cinese Xinle di Ningbo, provincia di Zhejiang, con doppio ordine di ArCoin a fine 2013, seguendo il progetto tipo Ecodesign di MES con particolare riguardo alle forme ottimizzate di carena ed alla propulsione ad elica CLT per conseguire, con la maggior efficienza, un risparmio di combustibile del 25%. Va altresì notata, per le 20 cisterne (9 coppie per il carico ed 1 coppia come Slop Tk.), la scelta dell'acciaio inossidabile duplex (grade 2205) della finlandese Outokumpu, nonché la flessibile utilizzazione delle due unità su vari mercati per il trasporto di qualunque prodotto petrol-chimico, in quanto risultano immediatamente conformi a tutti gli standard delle major.

Anche la Oil-Chem Davide B (consegnata il 25 luglio scorso ndr), ovviamente in quanto gemella della Giancarlo D (consegnata 4 mesi prima), è lunga f.t. 155.9 m, larga 25,60 m, immersione estiva 9.90 m cui corrisponde la portata max. di 19.800 tpl, a fronte della stazza di 14.034 tsl. La nave dispone della segregazione di 20 tipologie di carico ed ha una capacità di 23.025 mc. Il motore principale 2t di propulsione (MAN-STX 5S46ME-B8.3) ha la potenza MCR di 6.900 kW a 129 giri/min, rispettando i termini contrattuali (85% MCR) con 5,100 kW della velocità nave pari a 16 nodi alle prove. L'impianto di generazione elettrica comprende tre diesel DAIHATSU da 900 kW ciascuno.

Tra i vari fornitori di impianti e sistemi, citiamo Sistemar per l'elica CLT (Contracted and Loaded Tip) ad alta efficienza, Framo per le pompe del carico idrauliche sommerse nelle cisterne e due pompe di zavorra, Pompe Garbarino per i servizi scafo e apparato motore, ancora MES per il sw Optimum Trim per assetto nave ad ogni carico e per lo stesso calcolatore del Carico e Praxis per l'automazione nave. La Davide B è dotata di 23 cabine per alloggi conformi alla Convenzione MLC 2006 ed ha ottenuto la notazione addizionale RINA “MLCDesign" oltre alla “Green Plus" per il rispetto ambientale.

Giuseppe Soncin

M.E.S. e innovazione, una sfida lunga 30 anni

MES è una Società di progettazione navale specializzata in navi gasiere, chimichiere, bitumiere; propulsione dual fuel, fornitura di Loading Computer e sorveglianza costruzioni. L'azienda, che quest'anno compie 30 anni, è organizzata per poter fornire un servizio a partire dalla "carta bianca", assistendo l'Armatore nella definizione delle caratteristiche principali della nave, selezione del Cantiere, progettazione di base, scafo, impianti, ingegneria di dettaglio, seguendo tutte le fasi di realizzazione, sorveglianza in loco inclusa. L'ingegnere Marco La Valle, General manager dello Studio M.E.S. ha risposto ad alcune nostre domande.

Da dove partiamo per raccontare la vostra attività? Dalla prima nave gasiera progettata dal nostro Presidente e Fondatore, l'ingegnere Giorgio La Valle, nel 1978 quasi 40 anni fa prima ancora di fondare l'azienda. Quello delle gasiere è sicuramente il campo che maggiormente ci contraddistingue; anche le chimichiere costituiscono una grande fetta della nostra produzione: in totale circa 100 navi sono state costruite su nostro progetto. Al momento è in corso di realizzazione una serie di 10 navi chimiche da 25000 dwt, con cisterne in acciaio inossidabile, in un cantiere cinese per un armatore americano (a gennaio 2017 verrà consegnata la quarta della serie) alle quali vanno aggiunte le due unità consegnate quest'anno in Cina all'armatore De Poli Tankers.

Quali sono aspetti innovativi dei vostri progetti? L'aspetto più interessante ed anche di grande attualità è sicuramente l'applicazione della propulsione dual fuel sia su navi esistenti che su navi nuove, campo in cui siamo attivi dal 2010, con diverse applicazioni ed in particolare su importanti commesse per Fincantieri e Wärtsilä, come per esempio, la progettazione dei serbatoi in doppia parete per il contenimento del gas per la propulsione, come quelli che ha poi realizzato la nostra partecipata Gas and Heat per il traghetto Gauthier. L'analisi delle applicazioni della propulsione Dual Fuel su diverse tipologie di navi è stato una palestra di esperienza al di fuori dei campi tradizionali in cui la nostra Società opera.

Strategie e programmi?

Tante idee... ma sicuramente sarà importante consolidare la nostra posizione nel campo della propulsione D.F, non solo sulle nostre navi, ma anche su progetti di terzi e su navi di diversa tipologia; in particolare siamo molto interessati a partecipare a progetti complessi, espandendo il nostro campo di applicazione. Inoltre per quanto riguarda le navi da bunkeraggio di LNG siamo in una fase molto avanzata nella progettazione di alcune navi di capacità nel range dai 3000 a quasi 8000 metri cubi, studiandone tutte le problematiche connesse.

A.Marl.

TTM No. 6 November - December 2016